Perché scegliere un olio extravergine di oliva biologico

26 Febbraio 2021

L’olio extravergine d’oliva biologico viene prodotto attraverso l‘agricoltura biologica

Si tratta di un metodo di produzione che salvaguardia l’ambiente, la natura e il paesaggio agrario e favorisce il mantenimento e l’aumento della fertilità nel tempo dei terreni.

L’agricoltore che vuole produrre con metodo biologico deve rispettare regolamenti e leggi ed è responsabile della conformità del prodotto.

Scegliendo un olio biologico puoi contribuire al ripristino naturale dell’ecosistema.

L’agricoltore è sottoposto a continui controlli durante il ciclo produttivo. Questo garantisce un prodotto sano per un’alimentazione priva di residui di pesticidi dannosi per la nostra salute.

Come riconoscere l’olio extravergine biologico?

Sulla confezione troverai il logo europeo del biologico: una foglia formata da dodici stelle bianche su fondo verde con al centro una cometa. Accanto troverai il codice dell’operatore e quello dell’organismo di controllo.

L’olio extravergine di oliva nella nostra dieta.

Consumare olio extravergine di oliva quotidianamente è importante per la nostra salute.

Le sostanze in esso contenute, quali l’acido oleico, i polifenoli e le vitamine, proteggono lo stomaco, stimolano l’attività del fegato e dell’intestino, aiutano nella prevenzione delle malattie cardio-vascolari. Insomma, è un vero alimento-medicina.

Nella dieta mediterranea l’olio è presente in molti piatti.

La Dieta Mediterranea è stata iscritta nel 2013  nell’elenco rappresentativo del patrimonio culturale immateriale dell’umanità (UNESCO).

Nell’alimentazione mediterranea basta tornare ai cibi della nostra tradizione.

Prima di tutto alle minestre di tutti i tipi e ai “piatti unici”, tipo pasta e fagioli, pasta e ceci, riso e lenticchie (o piselli) tutti conditi con olio extravergine d’oliva. Anche per le fritture è raccomandato.

Per fortuna molte delle ricette italiane, specialmente toscane, utilizzano l’olio al posto del burro.

C’è da dire poi che nel Mediterraneo si sono sviluppate civiltà intorno all’olivo. L’olio oltre che come alimento, serviva come merce di scambio, per illuminare e anche per curare.

Qual è il giusto prezzo di un olio extravergine di oliva biologico?

Ma quanto deve costare un olio di qualità non è sicuramente sinonimo di dato certo ma bisogna tenere in considerazioni alcuni fattori di assoluta importanza.

Per produrre 1 litro di olio occorrono circa 6-8 Kg di olive ma si tratta di un dato che può variare sensibilmente a seconda dell’andamento climatico, tipo di cultivar, epoca di raccolta delle olive.

L’extravergine è ottenuto unicamente dalla spremitura dell’oliva e nel suo costo concorrono vari fattori. Tra questi i trattamenti agronomici come potatura, concimazione, metodi di raccolta manuale o meccanizzata, l’area geografica di coltivazione, molitura, stoccaggio.

Tenendo conto di tutte queste variabili è difficile dare un prezzo uguale per tutte quelle zone italiane vocate alla produzione di un olio extravergine di oliva.

Nel centro Italia tutte le regioni hanno una produzione olivicola e, dove si evidenzia di più, sono il Lazio, l’Abruzzo e la Toscana.

Specialmente in quest’ultima la raccolta è ancora quasi del tutto manuale e l’olio ottenuto è un prodotto di elevata eccellenza.

Il prezzo medio di un litro di olio extravergine di qualità prodotto nell’Italia centrale è di circa 10-16 euro ma con punte che arrivano a superare anche i 30 euro.

Dove acquistare l’Olio Extra Vergine d’Oliva Biologico?

È possibile acquistare l’olio extra vergine biologico direttamente dal produttore nelle aziende agricole, nei negozi specializzati o nei piccoli negozi alimentare sotto casa o anche online nei siti web dei produttori.

Se sei interessato a comprare il nostro olio scrivici https://www.sangimignano-ilcastagnolino.com/wp/it/azienda/olio-extravergine-di-oliva/

Turismo dell’olio. Negli ultimi anni sono nate molte attività turistiche legate all’olio di oliva, è un nuovo modo di vivere la natura, i benefici dell’olio d’oliva e godere di alloggi immersi nelle olivete come gli agriturismi.

Le manifestazioni “Frantoi aperti” si uniscono a “Cantine aperte” dove gli appassionati possono degustare gli oli e seguire il processo di lavorazione delle olive, insieme alle visite a uliveti secolari.

  • Next

Contattaci

per informazioni e prenotazioni